Rhodigium Basket a.s.d.

Rhodigium Basket a.s.d.

 crescere insieme nello sport

Intervista al Capitano dell'Under 18 maschile: Claudio Manesco

Nelle prossime settimane conosceremo meglio tutti i capitani delle squadre giovanili Rhodigium. Faremo due parole con loro e scopriremo come stanno affrontando questo periodo!

Partiamo da un capitano storico: Claudio Manesco, capitano dell'under 18 maschile, la prima storica squadra maschile targata RH, che ha iniziato il percorso dall'under 13 e che, anno dopo anno, è cresciuta al punto tale da essere pronti ad affrontare un campionato senior, prossimo passo fondamentale nella storia rosso blu.

- Ciao Claudio, come e quando hai iniziato a giocare a basket?

Ho iniziato a giocare a basket quando avevo cinque anni per poi smettere l’anno successivo. Ho ripreso a giocare a basket a dieci anni, giocando nella squadra minibasket della Rhodigium, incominciando così il bellissimo percorso che sto ancora vivendo.

- Cosa rappresenta per te la pallacanestro?

Per me la pallacanestro è la migliore cosa che esista, amo qualsiasi aspetto del basket, sia praticarlo che guardarlo. Per me prendere una palla e tirarla a canestro è la cosa più naturale e bella della vita, è forse l’unica cosa che è capace di rendermi sempre felice, stimolarmi e spingermi sempre a migliorarmi. È forse una frase un po’ scontata, ma io amo giocare a basket e credo che non mi stancherò mai di questo magnifico sport.

- Rappresenti in pieno i valori che la Rhodigium porta avanti da anni: sei spesso arbitro del minibasket, ufficiale di campo durante le partite del giovanile. Insomma, quando e dove puoi sei sempre disponibile ad aiutare. Quale pensi sia la ricetta per insegnare anche ai più piccoli questi valori?

Penso che non ci sia una vera e propria ricetta. Come ho detto prima io amo tutto di questo sport, sia il praticarlo che il guardarlo a qualsiasi livello. D’altro canto io ho anche la fortuna di vivere in un contesto in cui respiro pallacanestro tutti i giorni, mia sorella gioca in serie B, mio padre è un allenatore e mia mamma è una dirigente. Sicuramente sono stati loro a trasmettermi questa passione. Credo che il modo migliore per trasmettere questa passione ai più piccoli sia fargli amare la pallacanestro fin dal minibasket e fargli vivere anche la passione dei ragazzi e ragazze più grandi di loro.

- La Rhodigium negli anni è cresciuta tantissimo, al di là del settore femminile, da cui è’ partita la storia rosso blu, la tua squadra, oggi l’Under 18 è la prima squadra maschile targata RH! Cosa sogni di fare in futuro con questa maglia?

Sicuramente sogno di vestire la maglia Rhodigium ancora a lungo e far parte di una squadra senior che sia un esempio per i ragazzi delle giovanili e i bambini del minibasket. Per quanto mi riguarda, il sogno agonistico sarebbe poter giocare in modo competitivo nei campionati regionali di alto livello come C gold o C silver, vestendo la magnifica maglia rosso-blu.

- Un aggettivo per descrivere il tuo coach Marco Migliorini e il responsabile del settore maschile Marco Carbonin.

Descriverei il coach Miglio come una persona estremamente amante del gioco, che riesce a trasmetterti la sua passione verso il basket in ogni situazione e come allenatore cerca sempre di ottenere il meglio dai suoi giocatori, lavorando duramente per farci crescere in campo, come giocatori, ma anche come uomini per la nostra vita al di fuori della palestra.

Per il coach Carbonin, che ho avuto la fortuna di avere come allenatore, posso dire che si tratta di una persona molto scrupolosa ed esperta, in grado di vedere il potenziale in chiunque e di farlo crescere. Credo che grazie alla sua esperienza e alla sua conoscenza del mondo cestistico, lui sia la persona giusta per gestire il settore maschile della Rhodigium e farlo crescere ancora di più.

- Come stai vivendo la situazione Covid?

Come ragazzo è ovviamente difficile vivere in questo periodo pieno di limitazioni, che ci costringe anche a rinunciare al poter praticare liberamente lo sport che amiamo. È sicuramente un momento difficile per tutti, io cerco di tenermi il più impegnato possibile attraverso lo studio, l'allenamento, sia individuale sia grazie agli allenamenti di preparazione fisica di squadra che fortunatamente possiamo ancora svolgere all’aperto.
Come tutti ho voglia di tornare il prima possibile in palestra con la squadra e spero che a breve si possa tornare vivere la palestra tutti insieme!

- Fai un saluto ai tanti tifosi e soprattutto a tutti i ragazzi e bambini delle squadre Rhodigium che ti leggeranno

Ciao a tutti i ragazzi e i bambini della Rhodigium, vi mando un grosso abbraccio e spero di rivedervi tutti in palestra il più presto possibile. Ciao a tutta la fantastica Famiglia RHODIGIUM!!

Vi siete persi le altre interviste?
Cliccate qui


Prossimi eventi

Nessun evento

Calendario Eventi

Maggio 2021
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

In Evidenza